In questi difficili mesi segnati dall’isolamento sociale e dalle limitazioni logistiche imposte dall’emergenza sanitaria, è emerso chiaramente il bisogno delle famiglie di essere supportate nella relazione genitori-figli.
Il nostro osservatorio privilegiato ha intercettato in particolare il bisogno dei genitori di essere sostenuti e indirizzati nella cura dei bambini più piccoli, di essere ascoltati (soprattutto se la maternità è appena iniziata), di essere spronati a vincere l’isolamento, di essere incoraggiati ad attuare buone prassi di cura e ritualità all’interno della propria casa.

il girotondo delle mamme ha riaperto 2Questo è un periodo in cui le famiglie si trovano a vivere ancor più intensamente le relazioni all'interno delle mura domestiche e a dover gestire all’interno degli stessi spazi e contemporaneamente, compiti professionali, genitoriali, educativi e didattici.
Questo tempo che taluni può sembrare vuoto perché non ci sono i soliti orari e le medesime richieste, è invece un tempo da riempire e da reinventare, ma anche da ascoltare; è un tempo di attesa ma anche di azione; è un tempo di solitudine ma anche di desiderio di confronto; è un tempo di ritiro ma anche di apertura al nuovo e alla sperimentazione.

Per questo motivo, a partire da maggio, il Girotondo delle Mamme ha trovato una nuova formula per mantenere viva la relazione di ascolto e di aiuto con le famiglie.

Attraverso l’attivazione di uno spazio dedicato all’interno della piattaforma web Weschool, alla quale si può accedere da cellulare o pc, le nostre operatrici hanno ricreato un Girotondo virtuale con tanto di stanza dei giochi (fatta di proposte per fare attività con i piccoli, canzoncine, letture di storie ed albi) e una sezione di contenuti, consigli e risposte per i genitori. Da remoto, grazie alla funzionalità dei meeting Live, è stato possibile riproporre anche il tradizionale momento del "caffè quotidiano", momento di scambio con i genitori rispetto alla crescita di bimbi piccoli, ai ruoli di ognuno, ai dubbi e alle incertezze che, nel confronto con altri adulti, trovano rassicurazioni e risposte.

L'occasione del caffè, ha permesso alle nostre operatrici di rincontrare le mamme, alcune nonne e i papà che ci hanno raccontato come è andato e sta andando questo tempo strano: in questi mesi ci sono state per tutti le fatiche del dover trascorrere tante ore in casa e la mancanza di relazioni, ma anche la scoperta dei vicini di casa e dei nuovi modi tecnologici per ritrovarsi anche a distanza; c’è stata la difficoltà di gestire in casa bambini molto piccoli, ma anche la possibilità comprendere il valore di certe loro ritualità e di scoprirli pieni di risorse.